Foto di Rolanas Valionis da Pixabay

Parkour in Val Di Non

In questi giorni la Val di Non è diventata la capitale italiana di parkour: la nazionale maschile, sotto la guida del direttore tecnico del settore Salute e Fitness della Federazione Ginnastica d’Italia Roberto Carminucci e dei tecnici Marco Bisciaio e Francesco Venturelli, sta svolgendo un collegiale di 10 giorni a Cles grazie all’ospitalità e all’organizzazione dell’Asd Ginnastica Val di Non, in particolare del responsabile tecnico della società Paola de Concini.

Sette ragazzi tra i 18 e i 30 anni, provenienti da diverse parti d’Italia, si stanno allenando al Ctl di Cles in vista della prima edizione assoluta dei mondiali a Hiroshima, in Giappone, inizialmente in programma ai primi di aprile di quest’anno e poi spostata, causa Covid, a marzo 2021.

Ma come funziona una competizione di parkour? Lo abbiamo chiesto al direttore tecnico Roberto Carminucci . «Sono previste due categorie: velocità e corpo libero – rivela –. Nello speed-run gli atleti, proprio secondo il principio di scappare via veloci, devono superare rapidamente gli ostacoli del percorso per raggiungere il traguardo nel minor tempo possibile. Nel free-style, invece, si hanno a disposizione 70 secondi di tempo per mostrare il proprio stile e la propria creatività, sfruttando gli ostacoli ma non necessariamente tutti, mentre vengono giudicate le prestazioni tecniche. Questa è la parte più artistica, se vogliamo, del parkour».

Come detto, il parkour è una disciplina nata in strada e alle Olimpiadi di Parigi 2024 dovrebbe esordire come sport dimostrativo. Ma parliamo di una specialità che intende anche educare.

«Gli atleti della squadra nazionale sono portatori proprio di questo messaggio – aggiunge Carminucci –. Sono dei modelli educativi e i video che pubblicano non mirano ai like o alle visualizzazioni, ma alla divulgazione tecnica, calibrata sulle capacità».

Inoltre la nazionale maschile di parkour ospite in Val di Non, nei giorni scorsi ha ricevuto anche la visita del sindaco di Cles Ruggero Mucchi, accompagnato dal suo vice Diego Fondriest e dall’assessore Massimiliano Girardi.

Un’occasione utile per rinsaldare gli ottimi rapporti tra la Federazione Ginnastica d’Italia e l’amministrazione comunale, che lo scorso dicembre avevano portato il presidente federale Gherardo Tecchi in sala giunta per la progettazione della futura palestra ginnica polifunzionale.

Un impianto di 43 metri di lunghezza per 21 di larghezza, su due piani, un vero e proprio gioiello che darebbe la possibilità, non solo ai clesiani e ai nonesi, ma a tanti atleti da ogni parte d’Italia, di praticare un’attività motoria di base e agonistica sotto l’egida della Federazione Ginnastica d’Italia.

Una splendida Val di Non a fare da cornice: le rive del Lago di Santa Giustina in località le Plaze (grazie alla collaborazione del Comune di Predaia), ma anche il Ctl e il centro storico di Cles.

Fonte lavocedeltrentino

Nella zona della Val di Non consigliamo un soggiorno presso le seguenti strutture, che accettano sia gruppi che individuali.

Casa alpina in Val di Non rif. 677

Casa parrocchiale in Val di Non rif. 243

Casa vacanze a Cunevo Val di Non Trentino rif. 684

Casa per ferie in autogestione in Val di Non rif. 373

Hotel in Alta Val di Non – Dolomiti rif. 259

Albergo a Sarnonico Val di Non (TN) rif. 343

Hotel e appartamenti in Alta Val di Non rif.760

Casa in autogestione a Terres, Val di Non rif.399

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Contattami

Ciao, Sono Emanuela e sono a tua disposizione per assisterti e fornirti informazioni