Le vie del sacro nella Pianura Padana

Fin dal Medioevo si intraprendevano cammini lunghi e pericolosi per raggiungere luoghi sacri della cristianità, nel 1986 il Consiglio d’Europa ha riconosciuta l’importanza dei pellegrinaggi  e dei percorsi religiosi  come veicoli culturali e spirituale che permettono di visitare non solo luoghi religiosi, ma di avvicinarsi alla cultura e alle radici di una regione.

Ogni anno i pellegrini percorrono tratti sfidando il caldo e la pioggia, in un percorso di crescita personale.

Pavia è stata nominata Capitale dei percorsi turistici e religiosi nel 2012 grazie alla presenza nel suo territorio di tre cammini spirituali:

Via Francigena

Da Canterbury a Roma, una via maestra percorsa in passato da migliaia di pellegrini diretti a Roma per recare omaggio alla tomba dell’apostolo Pietro, per la religione cristiana rappresenta uno dei tre pellegrinaggi verso i Luoghi Santi.

Cammino di Sant’Agostino

Da Brianza a Genova, un pelligrinaggio suddiviso in due parti territorialmente distinte, chiamate Fiore e Gambo di rosa per via della similitudine grafica del percorso. Una tappa fondamentale del percorso è Pavia che ospita le spoglie del Santo nella basilica di San Pietro in Ciel d’Oro.

Cammino di San Martino di Tours

San Martino è uno dei più importanti Santi della cristianità  e viene ricordato l’11 novembre. Un pellegrinaggio a lui dedicato che uniscie l’Europa orientale con quella occidentale, da Szombathely a Tours, una delle tappe del tratto italiano è Pavia insieme a San Martino Siccomario.

La via degli Abati

Fra monasteri, castelli e tracce di insediamenti alto medievali , la via degl’Abati, si snoda da Bobbio a Pontremoli, innestandosi nella via Francigena e attraversa gli antichi possedimenti del Monastero di Bobbio.

Il santo Monte di Crea

Costituito oltre che dal santuario , da 23 cappelle e 5 dormitori, a partire dal Cinquecento costituisce un importante polo devozionale del territorio. Le cappelle vennero realizzate in due differenti  fasi costruttive, una cinquecentesca e l’altra ottocentesca. Il sacro Monte di Crea è un parco Nazionale ed area attrezzata, ottima per gruppi parrocchiali.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Contattami

Ciao, Sono Emanuela e sono a tua disposizione per assisterti e fornirti informazioni