Loreto e la Casa Santa, turismo e viaggi spirituali

La storia di Loreto come luogo di culto è strettamente legata alla Casa Santa, che fu l’abitazione in cui nacque e crebbe la Vergine Maria, nella città di Nazareth, ed in cui abitò anche Gesù dopo il suo ritorno dall’Egitto. In questa stessa casa Ella ricevette l’Annunciazione e proclamò il “Sì” che la rese Madre dell’Umanità. Secondo la tradizione, la casa fu poi spostata in volo dalla Palestina a Loreto da un gruppo di Angeli nel 1294, da cui deriva il fatto che la Madonna di Loreto sia considerata la protettrice degli aviatori. Il motivo è da ricercare nella previsione della riconquista della Terra Santa da parte dei Musulmani. La realtà storica è ovviamente molto più complessa ed è difficile ipotizzare un trasporto in volo per l’epoca, ma i rilievi sulle tecniche costruttive e i materiali utilizzati sembrano rimandare proprio a quell’epoca ed alle condizioni ambientali di quei luoghi. Per non parlare del fatto che a Nazareth esiste un’area che sembra perfettamente coincidente con il perimetro della Casa. Ma a prescindere dai riscontri storici, i credenti che visitano Loreto vivono un’esperienza sacra irripetibile e questa cittadina rappresenta un punto di riferimento spirituale che ne fanno meta di pellegrini e fedeli da tutto il mondo.

Dal 1469, venne iniziata la costruzione della Basilica-fortezza rinascimentale, con lo scopo di difendere le mura della Casa. Per questo motivo, il Santuario di Loreto, con la fortezza eretta attorno alla Casa, possiede delle caratteristiche architettoniche uniche per una Chiesa. Grandi artisti parteciaprono alla costruzione ed all’abbellimento della Basilica di Loreto: dalla grandiosa cupola del Sacconi, sotto la quale giace proprio la Santa Casa, al Bramante, al Sansovino, a Giuliano da Sangallo ed al Vanvitelli, che hanno contribuito al santuario ed alla basilica. Mentre all’interno, nel Museo-Pinacoteca, sono conservate tele di Lorenzo Lotto ed un’importante collezione di ceramiche. Altra opera oggetto di culto è la statua della Madonna col Bambino, scolpita in legno di cedro del Libano nel 1921 e nota come la Madonnina Nera di Loreto. Questa statua, con la tradizionale dalmatica, ha sostituito la precedente statua del XIV secolo rimasta distrutta in un incendio e deve probabilmente il tipico colore scuro al fumo delle lampade ad olio e delle candele.

Loreto offre quindi una grande esperienza al pellegrino che la voglia visitare, ma offre tante opportunità anche al semplice turista che vanno oltre la sacralità, grazie alla ricchezza di opere d’arte, ai musei, alle mostre, alle manifestazioni ed agli itinerari turistici che vengono organizzati. Fra le diverse opportunità di ospitalità offerte dalla città, indichiamo questa Casa d’Accoglienza a Loreto, dotata di Cappella privata e sala convegni, particolarmente indicata per gruppi anche numerosi. Un’altra opportunità è offerta da un hotel a Loreto che riserva tariffe agevolate per gruppi, con gratuità, e convenzioni particolari per gruppi di studenti.

Written by

Social Tour è il team di autori che si occupa dei testi per il portale turistico specializzato in vacanze per gruppi SocialHoliday.eu, in cui puoi trovare offerte di case per ferie e strutture adatte ad accogliere gruppi numerosi e famiglie.

Non c'è ancora nessun commento.

Lascia un commento

Messaggio

*